You are hereDescrizione generale

Descrizione generale


Il Centro Studi faunistici della Toscana Meridionale, sito in Località Santa Lucia,  all'interno delle Bandite di Scarlino (Comune Scarlino), rappresneta un punton di riferimento importante per lo studio della fauna selvatica e l'approfondimento sulle tematiche ambientali.

Dal settembre 2007, è statao attrezzato un laboratorio, un aula da 50 posti, due foresterie e una cucina all'interno della struttura denominata "Porcarecce". Nella parte poderale invece, si trova un ufficio e un'abitazione. (L'allestimento delle strutture, compreso tutto il materiale, è stato realizzato grazie ai fondi della Fondazione Monte dei Paschi e della Cassa di Risparmio di Firenze)

All'esterno è stato realizzato un recinto per caprioli da utilizzare nei casi in cui sia necessario tenere degli individui per poco tempo in una situazione controllata e dove sia facile la loro ricattura.

Presso l'aula delle "Porcarecce" si sono svolte in maniera continuativa le seguenti attività (e altre sono in programma):

- Corsi di abilitazione per "Conduttore di cane limiere" (4 sessioni) e per "Conduttore cane da traccia" (4 sessioni), organizzati dall'ufficio Caccia della Provincia. Sono stati coinvolti 147 corsisti e i docenti hanno utilizzato le foresterie della struttura. Sempre presso queste strutture sono stati svolti anche gli esami pratici conclusivi.

- Le foresterie e l'aula sono state utilizzate per due incontri didattici con studenti delle Scuole medie inferiori e delle Scuole elementari ai quali è stato illustrato il progetto di conservazione del Capriolo italico. Le foresterie sono state utilizzate anche per un incontro degli Scout e in occasione di un'attività di approfondimento delle tematiche relative alla ricerca faunistica con una squadriglia femminile degli Scout di Follonica.

- Corso di preparazione per l'esame di European Tree Worker (70 ore).

- Corso di Treeclimbing in collaborazione fra Le Bandite e la "Scuola Agraria di Monza" (11 corsisti, 40 ore).

- L'Università di Torino (Facoltà di Veterinaria, Prof. Meneguz e Prof. Rossi) ha utilizzato le foresterie e l'aula per lezioni teorico e pratiche sulla gestione del Capriolo in collaborazione con il personale della Provincia e il ricercatore addetto alla struttura.

- Presso l'aula sono stati effettuati gli esami di selezione del Corso in "Onoterapia" e del Corso di "Falconeria e recupero/gestione rapaci".

- Si è da poco concluso un corso finanziato dal settore Formazione della Provincia e organizzato dal CESVIT in collaborazione con le Bandite di Scarlino e il Settore Conservazione della Natura dal titolo "Falconeria e recupero/gestione rapaci" della durata complessiva di 192 ore (16 corsisti).

- Si sta svolgendo un corso di Arboricoltura e Treeclimbing di 210 ore, organizzato dal CESVIT e dalle Bandite di Scarlino con il contributo del Settore Formazione della Provincia.

- Presso il laboratorio delle "Porcarecce" sono stati analizzati 136 uteri di capriolo e 176 feti (si veda sotto per il dettaglio), nell'ambito di uno studio sulla fertilità e dinamica di popolazione del capriolo associato all'esistenza sul territorio provinciale del capriolo europeo e della sottospecie capriolo italico. I campioni sono stati consegnati dai cacciatori di selezione alla Provincia e provengono dai capi loro assegnati nel regolare piano di abbattimento. Altri campioni saranno analizzati entro breve.

- È stato avviato uno studio sullo stato sanitario dei caprioli abbattuti nel Distretto ricadente nelle Bandite (DS33, ATC6) in collaborazione con l'Un. di Pisa, la Tenuta di Paganico e la Provincia.



 

NEWS

 

A seguito del recente passaggio alla "...

Il progetto di Inanellamento definito MonITRing a cui la stazione di Poggio...

Pubblichiamo il Calendario Venatorio 2015-2016.

In allegato...

GRADUATORIA ANNO 2015 - ISTANZE DI NUOVE...

AVVISO ESPLORATIVO FINALIZZATO ALL’ACQUISIZIONE DI MANIFESTAZIONI D’...