You are hereABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO VENATORIO

ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO VENATORIO


L'attività  venatoria si svolge per una concessione che lo Stato rilascia ai cittadini che la richiedano e che posseggano i requisiti previsti dalla legge 157/92.

La licenza di porto di fucile per uso di caccia ha la durata di sei anni ed è rilasciata dalla Questura, in conformità  alle leggi di Pubblica Sicurezza, dopo il conseguimento dell'abilitazione all'esercizio venatorio, a seguito di esame pubblico da sostenere di fronte ad apposita Commissione nominata dalla Provincia.

Chi è interessato a conseguire l'abilitazione si deve rivolgere all'Ufficio Caccia della Provincia di residenza per presentare domanda di ammissione all'esame di idoneità: possono presentare domanda secondo l'apposito Modulo di domanda – i residenti anagrafici e le persone domiciliate nella provincia, che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età.

L’Ufficio competente è l'U.P. Servizio Attività Faunistico Venatorie della Provincia di Grosseto, sito in Via Trieste n°5 a Grosseto (II°piano); l’orario di apertura al pubblico è il lunedì dalle ore 9,30 alle ore 12,30 e il giovedì dalle 9,30 alle ore 12,30 e dalle ore 15 alle ore 17.

In questa sezione trovi il

Decreto Dirigenziale n. 1451 del 14 aprile 2014, scaricabile, che riporta un testo contenente 448 quiz che potrai ritrovare nell'esame per l'abilitazione all'esercizio venatorio della Regione Toscana. Prova a misurare le tue conoscenze in materia di pratica e tecnica della caccia, natura, ambiente e zoologia, legislazione, pronto soccorso.

In allegato anche il modulo di domanda per ammissione all'esame, le tavole raffiguranti le specie animali di interesse venatorio e il Manuale Completo dell'Aspirante Cacciatore suddiviso per sezioni (Presentazione; I Legislazione; II Zoologia applicata alla Caccia; III Armi e Munizioni; IV Agricoltura e Ambiente; V Gestione Agrofaunistica del Territorio; VI Ecologia; VII Cinofilia; VIII Pronto Soccorso; IX Zoonosi dei Selvatici; X Norme di Buon Comportamento).

Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere a:

SONIA LONGHI Telefono: 0564/484563     e-mail: s.longhi@provincia.grosseto.it

Come previsto dall’apposita normativa (art.29 della Legge Regionale n.3/1994 e art 1,2,3,4 del Decreto del Presidente della Giunta Regionale n°33/R/2011, l'esame si compone di una prova scritta e di una prova orale che vertono sulle seguenti materie: legislazione venatoria, zoologia applicata alla caccia, armi e munizioni da caccia, tutela della natura e principi di salvaguardia delle colture agricole, norme di pronto soccorso, caccia al cinghiale; le nozioni da apprendere sono contenute nel testo approvato dalla Regione.

Inoltre, per coloro che non riescono a scaricare on-line il materiale per la preparazione all'esame, l'ufficio competente mette a dipsosizione le copie cartacee del manuale e dei quiz ed inoltre il CD con le tavole delle specie animali cacciabili.

Sono, di norma, previste annualmente due Sessioni d'esame, di cui viene data comunicazione, anche a mezzo stampa.

Ottenuto dalla Provincia, dopo il superamento dell'esame, il certificato di abilitazione all'esercizio venatorio, può essere richiesta alla Questura la licenza, sulla base del certificato medico in originale già presentato alla Provincia (che il competente Ufficio provvede a restituire all'interessato).

ÂÂ

RILASCIO DELLA LICENZA DI PORTO DI FUCILE (USO CACCIA) da parte della QUESTURA

La licenza di porto di fucile per uso di caccia è valida per sei anni; agli effetti delle tasse annuali si intende per anno il periodo di dodici mesi decorrente dalla data di concessione della licenza.  La tassa deve essere pagata, per ciascun anno successivo a quello di concessione, prima dell’uso dell’arma e non è dovuta per gli anni nei quali non se ne fa uso.

Per la prima concessione (rilascio) devono essere presentati alla Questura i seguenti documenti:
1 – domanda su modulo fornito dalla Questura (scaricabile anche dal sito internet della Questura;

2 – n.2 marche da bollo da €.14,62 (da applicare rispettivamente sulla domanda e sulla licenza);

3 – certificato medico di idoneità psico-fisica, in originale (quello già presentato alla Provincia che il competente Ufficio provvede a restituire all’interessato);

4 – certificato di abilitazione all’esercizio venatorio, rilasciato dalla Provincia (di cui sopra);

5 – certificato di idoneità al maneggio delle armi rilasciato da una Sezione di Tiro a Segno Nazionale oppure documentazione (o autocertificazione) relativa al servizio prestato nelle Forze Armate o nelle Forze di Polizia (in caso di servizio militare NON PRESTATO o DI CONGEDO MILITARE ANTECEDENTE ANNI 10 occorre il certificato di idoneità al maneggio di armi da sparo rilasciato in bollo da una sezione italiana di Tiro a Segno Nazionale);

6 – due fotografie recenti, formato tessera, a capo scoperto e a mezzo busto di cui una autenticata;

7 – la ricevuta di pagamento delle tasse di concessioni governative, per un importo complessivo di €.173,16, da versare sul c/c postale n.8003 intestato all'Ufficio del Registro - Tasse Concessioni Governative Roma;

8 – ricevuta di versamento di €.1,26 sul c/c postale n.1586  intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato, Sezione Grosseto. Causale: rilascio libretto porto di fucile;

9 – ricevuta di pagamento della tassa di concessione regionale, negli importi corrispondenti al tipo di fucile usato, come di seguito indicato, sul c/c postale n.109504 intestato alla Regione Toscana – Tesoreria regionale (con causale “tassa di esercizio venatorio”):
con fucile a 1 colpo, con falchi e con arco €.38,00;
con fucile a 2 colpi €.53,00;
con fucile a più di 2 colpi €.67,00.

10 – una dichiarazione sostitutiva in cui l’interessato attesti:
- di non trovarsi nelle condizioni ostative previste dalla legge;
- le generalità delle persone conviventi;
- di non essere stato riconosciuto obiettore di coscienza ai sensi della Legge n.230/1998.

Al posto delle dichiarazioni sostitutive può essere presentata la documentazione rilasciata dagli organi competenti.

La licenza si rinnova alla scadenza del 6°anno;

Nel periodo di validità viene rinnovata automaticamente con il pagamento annuale della tassa di concessione governativa.

Per il rinnovo della licenza – che va richiesto prima della scadenza –, devono essere presentati gli stessi documenti, sopra elencati, necessari per il rilascio, fatta eccezione per il certificato di abilitazione all’esercizio venatorio, la certificazione relativa all’idoneità al maneggio delle armi e la dichiarazione di non essere stato riconosciuto “obiettore di coscienza”.

ÂÂ

AllegatoDimensione
tavole specie animali.pdf3.09 MB
MODULOdiDOMANDA.pdf70.99 KB
Decreto Dirigenziale Regionale n.1451 del 14 aprile 2014.pdf208.64 KB

NEWS

 

A seguito del recente passaggio alla "...

Il progetto di Inanellamento definito MonITRing a cui la stazione di Poggio...

Pubblichiamo il Calendario Venatorio 2015-2016.

In allegato...

GRADUATORIA ANNO 2015 - ISTANZE DI NUOVE...

AVVISO ESPLORATIVO FINALIZZATO ALL’ACQUISIZIONE DI MANIFESTAZIONI D’...