You are hereNuove progettualità e proposte per il futuro

Nuove progettualità e proposte per il futuro


Recentemente è stata avviata una collaborazione con il Prof. Tolari dell’Università di Pisa, Facoltà di Veterinaria, e con la Tenuta di Paganico nell’ambito del Progetto “PIANO DI MONITORAGGIO SANITARIO NEI RUMINANTI SELVATICI NELLA TENUTA DI PAGANICO E IN UN’AREA DI CONTROLLO (BANDITE DI SCARLINO)”.

In particolare. il Centro servirà da punto di raccolta del sangue di capriolo prelevato dai selecontrollori (precedentemente istruiti sulle operazioni da effettuare) del Distretto 33 (ATC GR6) che ricade proprio nelle immediate vicinanze del Centro e verranno qui effettuate le prime operazioni di centrifugazione e stoccaggio del siero in modo da poterlo poi trasferire nei laboratori dell’Un. di Pisa.

PROPOSTE DI PROGETTO

Proposta di realizzazione di indagini faunistiche relative soprattutto all’accertamento all’interno del territorio delle Bandite della presenza di carnivori, in particolare del lupo Canis lupus, del gatto selvatico Felis silvestris, che qui si troverebbe al limite del suo areale di distribuzione e di mustelidi importanti come la martora Martes martes probabilmente fotografata durante sessioni di fototrappolaggio.
Sono stati effettuati avvistamenti ripetuti di un esemplare di gatto nei pressi del Podere Santa Lucia di cui sarebbe interessante approfondire le caratteristiche.

Sempre vicino al Centro è stato rinvenuto un escremento di canide, contenente quasi esclusivamente pelo probabilmente di capriolo, che è stato inviato al Dot. Randi per le analisi genetiche, e che è risultato appartenere alla specie Canis lupus puro.

Proposta di realizzazione presso le strutture di un Centro di Primo soccorso per animali selvatici, di supporto al già esistente CRASM di Semproniano, localizzato nella parte Nord della Provincia per rendere più efficaci le operazioni di soccorso e reintroduzione di esemplari in difficoltà. Presso il centro potrebbe essere effettuato un primo monitoraggio e la valutazione degli interventi da effettuare, nonché la stabilizzazione di esemplari prima dell’eventuale trasporto a Semproniano. Verrebbe evitato il viaggio a quegli esemplari che invece necessitano solo di semplici applicazioni o di reidratazione e nutrizione e che quindi possono essere recuperati velocemente e liberati nella zona di ritrovamento.

Sono state elaborate proposte per attività di Educazione Ambientale da svolgere presso il Centro. In particolare le tematiche individuate sono:

  • Importanza della biodiversità e della conservazione di sottospecie locali.
  • La comunità bosco e l’importanza dei grandi alberi.

 

NEWS

 

A seguito del recente passaggio alla "...

Il progetto di Inanellamento definito MonITRing a cui la stazione di Poggio...

Pubblichiamo il Calendario Venatorio 2015-2016.

In allegato...

GRADUATORIA ANNO 2015 - ISTANZE DI NUOVE...

AVVISO ESPLORATIVO FINALIZZATO ALL’ACQUISIZIONE DI MANIFESTAZIONI D’...